Benessere

Stress da lavoro: sintomi, cause e rimedi

Nella medicina del lavoro lo stress ‘lavoro-correlato’ viene definito come la percezione di squilibrio avvertita dal lavoratore quando le esigenze dell’ambiente lavorativo eccedono le capacità individuali per fronteggiare tali richieste, portando inevitabilmente nel medio-lungo termine ad un vasto spettro di sintomi o disturbi che vanno dal mal di testa, ai disturbi gastrointestinali, dalle patologie del sistema nervoso ai disturbi del sonno, nevrastenia, sindrome da fatica cronica fino a casi di burn-out o collasso nervoso. Lo stress ‘lavoro-correlato’ può interessare potenzialmente ogni luogo di lavoro e ogni lavoratore in quanto causato

Lo stile di vita influenza il nostro DNA

Il DNA è la macromolecola biologica che contiene tutte le informazioni necessarie al corretto sviluppo e adeguato funzionamento delle cellule di un organismo vivente. Il DNA è funzionale alla generazione delle proteine, costituite da catene di amminoacidi indispensabili nel regolare i meccanismi biochimici necessari alla vita. Gli organismi eucarioti (l’essere umano è tra questi) possiedono, nel nucleo di ogni loro cellula, una specifica molecola di DNA, organizzata in distinti tratti sequenziali detti cromosomi che costituiscono la sede dei geni ove sono memorizzati i codici essenziali per la definizione di ciò

Salute

Il sambuco, un prezioso alleato contro le malattie da raffreddamento

Il sambuco (Sambucus nigra) è un grazioso albero perenne, della famiglia delle Caprifoliaceae. Cresce spontaneo o anche coltivato, dalla pianura fino alle aree submontane in Europa centrale e meridionale e si presenta come arbusto o piccolo albero che può arrivare anche a 10 metri di altezza. Proprietà benefiche del sambuco Il sambuco è un ottimo diaforetico, diuretico, antinevralgico, lassativo, emolliente, stimolante della secrezione bronchiale, antinfiammatorio della mucosa nasale, febbrifugo, topico emolliente soprattutto in caso di ustioni. Questa preziosa pianta rinforza le difese immunitarie ed è un’ottima alleata in caso di

Un amico prodigioso… il microbiota

Il più complesso ecosistema naturale è nascosto all’interno del nostro intestino: si chiama microbiota ed è costituito dall’insieme dei microrganismi che si trovano nel tubo digerente dell’uomo. Qui vivono 40 mila specie differenti di microrganismi, i più numerosi dei quali sono batteri seguiti da miceti e virus. Ogni microbiota ha circa 3,3 milioni di geni, cioè 100 volte il numero dei geni presenti nel genoma umano per questo motivo  il microbiota potrebbe essere considerato un organo a tutti gli effetti. Le specie batteriche presenti nel microbiota variano da una popolazione

Psicologia

L’arte di saper dire di no… e ritrovare la propria unicità

A chi non è capitato di trovarsi nella condizione di dover fare qualcosa controvoglia, semplicemente perché qualcuno ce lo ha chiesto, sia esso il coniuge a casa, il superiore al lavoro ma anche gli amici o i genitori? Tutti ci chiedono qualcosa che non vorremo fare, che non fa parte di noi, ma che in qualche modo ci sentiamo costretti a fare semplicemente per non deludere chi ci sta vicino. Il problema non è assecondare di tanto in tanto le esigenze dei nostri cari ma cronicizzare un siffatto stato emotivo. Sono

Il corpo risponde: psicologia psicosomatica dei Fiori di Bach

Ormai utilizzati a livello internazionale, i Fiori di Bach sono un rimedio naturale molto diffuso dalla metà del 1900 ad oggi. Se sono in voga da quasi un secolo a questa parte possiamo ipotizzare che “qualche cosa” del metodo funzioni: per alcuni con effetti considerevoli, per altri anche con crisi di aggravamento sintomatiche che dimostrano come l’espressione spesso sentita “tanto male non fanno” sia da usare con prudenza. A mio parere questo fenomeno di largo consumo dovrebbe interrogare ciascun clinico e andrebbe approfondito sia da chi lo scarta a priori,

Alimentazione

I pilastri di una sana alimentazione

“Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”, disse Ippocrate fondatore della medicina clinica nel lontano 440 a.C. Egli arrivò a questo assunto proprio grazie alla grande capacità di analisi basata sul principio dell’osservazione, deducendo che la salute non è altro che un equilibrio interno fra psiche, ambiente ed umori corporei. Pertanto la scoperta fu che cambiando alimentazione si modificavano una serie di fattori fra i quali gli umori stessi e quindi la chimica corporea. Potevano essere promossi processi infiammatori oppure al